Controllo delle fasi delle tracce

Il Blog di Alessandro Fois. 


Le sfasature temporali sono generate quando 2 o più microfoni riprendono la medesima sorgente da distanze differenti.

Tale fenomeno può manifestarsi:

  1. durante la ripresa microfonica di più sorgenti, effettuata nella medesima sala di ripresa
  2. durante la ripresa multi microfonica di un unico set di sorgenti
  3. durante la ripresa multi campo di una medesima sorgente

La misura della sfasatura temporale tra due riprese sarà di circa 1 millisecondo (ms), ogni 33 cm di maggior distanza dalla sorgente (se utilizzate 48 Khz avremo 48 samples per 1 ms)

Se un microfono ad esempio riprende una sorgente da 40 cm di distanza e un altro rileva la medesima da cm 73 di distanza, la sfasatura temporale sarà di 1 ms in conseguenza dei 33 cm di differenza (73-40=33) 

Tale sfasatura, in linea teorica, sarebbe compensabile per mezzo di un plugin di time delay installato nella traccia da ritardare.

Come vedremo, ci sono casi in cui tale pratica è consigliabile e a altri in cui non lo è.

Chiariamo subito che: le onde sonore prodotte da microfoni differenti che captano una stessa sorgente sono tra loro simili ma anche differenti, a causa di vari elementi che concorrono a determinarla (tra cui le riflessioni indotte dall’ambiente, che si sommano alla sorgente).

Anche in caso di allineamento dei tempi di emissione sonora di due tracce parallele contenenti la medesima sorgente, la pasta sonora di ciascuna sarà sempre differente, con risultati di mix che solo l’orecchio ci permetterà di valutare.

Ciò premesso, un preciso allineamento temporale di due sorgenti permetterà di ottenere una onda sonora con corpo unico più definito, il che significa:

  • transienti di attacco più decisi, definiti e secchi
  • timbrica generalmente più coerente (specialmente in ambienti a bassa incidenza di riverbero)

Analizziamo il suddetto caso 1

con tracce derivanti ad esempio dalla ripresa concomitante di un organico strumentale acustico operante nella medesima sala.

In fase di mix non potremo fare assolutamente nulla per migliorare ciò che non sia stato ottimizzato in fase di ripresa, c’è quindi da augurarsi che il fonico di ripresa: 

  • abbia isolato il più possibile le varie sorgenti, per mezzo della distanza tra loro e/o interponendo schermi acustici tra i microfoni e le sorgenti non interessate,
  • quando possibile, abbia posizionato i microfoni su un asse comune in modo da determinare una ripresa fasata delle onde sonore risultanti

Vediamo il caso 2 

con tracce derivanti ad esempio dalla ripresa multi microfonica della batteria

Potrà essere utile o più spesso poco influente ritardare i microfoni dedicati ai singoli tamburi rispetto agli over-head.

Nello specifico possiamo meglio dire quanto segue:

  • maggiore sarà il volume di mix da assegnare agli over head rispetto ai microfoni dedicati ai singoli pezzi della batteria, e più probabilmente l’allineamento dei transienti d’attacco dei tamburi sarà migliorativo
  • segnalo però il rischio di peggiorare il transiente del ride, salvo che quest’ultimo non sia stato ripreso anch’esso con microfono dedicato

Nel suddetto caso 3

invece, le cose cambiano.

Nel caso ad esempio di una chitarra acustica registrata in n.2 tracce separate prodotte da un microfono ravvicinato e da un altro posizionato in campo più distante.

A questo punto, sarà il fonico a decidere l’incidenza da assegnare alle n. 2 sorgenti:

  • se al campo distante si assegnerà un volume “naturale”, cioè parecchio più basso di quelllo ravvicinato, l’operazione di allineamento dei transienti risulterà ininfluente
  • se ad entrambi i campi si assegnerà un volume d’ascolto simile, sarà invece consigliabile allineare i transienti, creando un più solido “corpo unico”, permettendo così ogni possibile dosaggio delle due sorgenti in fase di mix, alla ricerca del risultato desiderato

PER APPROFONDIMENTI

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *