Il furto legalizzato della SIAE ai piccoli autori

Il Blog di Alessandro Fois.


Il furto legalizzato della SIAE ai piccoli autori

Esperienza diretta dell’autore dell’articolo


Mi rivolgo a tutti i piccoli autori ed editori che ancora sono iscritti alla SIAE, per raccontare la seguente esperienza.
A tal scopo qui di seguito il testo con cui ho inoltrato il mio reclamo, la loro replica (barricata e inconfutabile) e il mio commento finale (ho dovuto utilizzare un nuovo ticket di reclamo, non essendo prevista una confutazione.

Buon divertimento amaro.

MIO RECLAMO

Spettabile SIAE Società Italiana degli Autori ed Editori , il sottoscritto Alessandro Fois, iscritto alla SIAE da oltre 40 anni e presente nell’anagrafica di Codesto Ente al numero 45671, con la presente rivolge formale reclamo a Codesta Società, in quanto ritiene di non aver ricevuto una corretta ripartizione dei diritti maturati in qualità di compositore, nell’ambito della liquidazione dei diritti del 1° semestre 2019 (facente capo ai proventi maturati nel 1° semestre del 2018).
Si fa particolare riferimento ai n. 14 programmi musicali compilati nel corso dei concertini eseguiti in altrettan ti giorni di esecuzione, come risulta dallo schema che segue:
DESTINATARIO DEL SERVIZIO DI INTRATTENIMENTO Evento Gruppo Ferrari
LOCALE E LOCALITA’
Hotel Mont Blanc – Strada Grand Ru 1 – 11013 Courmayeur, Aosta
DATE DELLE MANIFESTAZIONI
N.14 giorni in totale dal 25 al 30 marzo 2018 (6 giorni) e dal 03 al 10 aprile 2018 (8 giorni)
ARTISTA
Duo musicale “Amélie & Alex”
SI SPECIFICA CHE
come risulterà dall’analisi dei programmi musicali compilati e firmati facenti capo ai n.14 suddetti giorni di programmazione, i brani del sottoscritto sono stati eseguiti in misura variabile, corrispondente in media a circa 1/3 della intera programmazione come risulterà dai relativi documenti, in tal occasione il contraente pagò a Codesta Società SIAE un ammontare di diritti pari a
EURO 2.688,15*
NE CONSEGUE
che il sottoscritto non rileva di aver ricevuto alcuna ripartizio ne dei diritti facenti capo al suddetto evento e
CHIEDE
una revisione della ripartizione stessa e l’invio del relativo “report” corredato da ogni dettaglio chiarimenti specifici sull’accaduto
In attesa di un riscontro il sottoscritto porge distinti saluti.

Alessandro Fois


RISPOSTA DELLA SIAE

In riferimento a quanto segnalato si informa che i programmi musicali delle manifestazioni segnalate non sono rientrati nelle operazioni di ripartizione analitica in base alle disposizioni dell’Ordinanza di Ripartizione, in quanto trattasi di eventi privati. Si tiene a precisare, ad ogni buon conto, che i programmi musicali relativi a trattenimenti privati (ovunque organizzati: in locali pubblici, case private o spazi aperti, offerti da privati ad invitati in occasione di matrimoni, cerimonie o ricorrenze in genere, congressi, raduni, riunioni aziendali, ecc.; da circoli privati con accesso consentito ai soli soci ed eventualmente ai familiari; da gestori di locali pubblici ad invitati in occasione di inaugurazione di locali, di stagione, ecc.) non rientrano tra quelli presi in considerazione ai fini della ripartizione analitica, secondo i criteri previsti dall’Ordinanza di ripartizione vigente.

N.B.

  • Nessuna firma da parte dell’operatore SIAE
  • Non mi è stata data alcuna possibilità di controbattere alla risposta tramite negazione tecnica (non rispondere a questa email).
  • Ne consegue che la risposta della SIAE vorrebbe risultare lapidaria e definitiva.
  • Di conseguenza ho dovuto aprire un nuovo messaggio, col quale facevo riferimento alla comunicazione precedente e alla loro risposta.

MIA REPLICA FINALE

La presente in riferimento alla vostra risposta al ticket Ticket n° TT576599.

Prendo atto della vostra informativa da freddi burocrati, il cui testo è visibile in calce alla presente.

L’ Ordinanza di ripartizione vigente e la sua distinzione in ripartizione analitica e non, da Voi citata, è un modo legale per perpetrare un furto ai piccoli poveri autori a favore di quelli più grandi e ricchi, specialmente in un caso come questo, che ha permesso a questi ultimi di “pappare” impunemente qualche migliaio di Euro.

E altrettanto meschino e spietato è dare risposte lapidarie e non confutabili, inoltrandole in maniera codarda, senza il nome e la firma di alcun referente SIAE, e negando altresì la possibilità di replicare, di instaurare un dialogo, stando ben arroccati dietro ad un indirizzo email di tipo “no-replay”.

Un vero comportamento da regime autocratico travestito da democratico per mezzo di un organo elettivo che nei fatti risulta auto referenziale e di parte.

Ritengo che quanto è stato deciso e attuato sia un vergognoso scadimento per una società degli autori che era stata resa grande dai padri fondatori, alla quale sono iscritto da 40 anni e che un tempo stimavo.

Non stupitevi se gli autori fuggono in numero sempre maggiore, come farò anch’io.

Fatevi pure da soli la vostra Società Elitaria composta da oligarchi e aristocratici del diritto d’autore, in modo non diverso dalla casta di parlamentari che decide da sé l’importo dei propri stipendi e indennità.

Infine, colgo l’occasione anche per dire quanto sia inappropriato, soprattutto in questi tempi, chiedere una quota associativa fissa uguale per tutti, anziché renderla proporzionale ai dividendi SIAE.

Vi sarei grato se voleste far arrivare questo commento anche al presidente Mogol, che ho conosciuto nel corso di attività eseguite al CET di Toscolano, in modo che mediti sulla immoralità di queste regole inique, lui che la moralità e l’integrità la predicava.

Mi batterò per diffondere la verità su queste regole scandalose che sono l’inizio della fine per codesta Società “Ex Gloriosa”, iniziando con la diffusione del contenuto di questa email e della vostra replica.

Alessandro Fois

N.B.

  • Nessuna risposta è mai pervenuta dalla SIAE

Alessandro Fois

1 commento
  1. Ugo
    Ugo dice:

    Sono pienamente d’accordo con Lei.
    Io sono scappato dalla SIAE 5 anni fa, perchè non facevo altro che pagare invece di ricevere.
    É un associazione a delinquere legalizzata.
    Cordiali Saluti

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *